Cronistoria delle navi
book

Varata nel 1918 come EULVA presso il cantiere Wed. Y. de Jongh, Ruischerburg (numero di costruzione: 08) per A. Jordens, Jr., TSL: 348, TSN: 188, DWT 450, 41.37 (38,82) x 6,84 x 3,60 x 3,329 immersione come “Shelterdeck” nave per trasporto costiero, velocitá 8 nodi. Mezzi da carico: 2 bighi. Nominativo internazionale: ?

Consegnata nel giugno del 1919 come QUO VADIS a Gebr. Van de Bergh’s Industrie en Handel Maatschappij (management: N.V. Scheepvaart Maatschappij “Rotterdam”, Rotterdam), Rotterdam. Altre fonti citano Isaac van den Bergh, Rotterdam come proprietaria e gestione. Equipaggiata con 2 motori da 4 cilindri, 4 tempi, 280 x 280, totale 195 Cv, costruiti dalla N.V. Machinefabriek “Drakenburg” v/h D.W. van Rennes di Utrecht. Nave bielica. Numero matricola: 11516 ROTT 1918. Nominativo internazionale: PQVK

(Ps. Mail ricevuta il 28 ottobre 2005 dal Sg. Frank Soetermeer: “The ship RHONE, was built in 1918-1919, under the name “Quo Vadis”, in Ruischerburg, Groningen, at the Shipyard “Wed Y. de Jongh”. Until 1920 it was indeed owned by “N.V. Scheepvaart Maatschappij Rotterdam”. This company was owned by “Firma Soetermeer Fekkes & Co.”, founded in 1916 by K. Fekkes, Jr. And my grandfather W.A. Soetemeer (1882-1950). The latter company is still existing. For more information I refer to Mr.G.J. Mulder, e-mail: g.j.mulder@wxs.nl . He wrote a nice book on these companies (in which the “Quo Vadis” is lacking)”.

Altre fonti dichiarano: 23-07-1919 aquistata da N.V. Scheepvaart Maatschappij Rotterdam (management: Soetermeer, Fekkes & Co., Rotterdam), Rotterdam.

Nel ottobre 1920 ceduta alla A.P. Daraghiati, Bari e nominata DARAGHIATI I TRET. Nominativo internazionale: ?

1922 passa sotto bandiera dell’Albania, porto di registro Durazzo. Nominativo internazionale: ?

1925, venduta alla G. Russo fu D., Messina. Nuovo nome: DIEGO RUSSO. Nominativo internazionale: NKQU.

Nell’estate 1927 i vecchi motori Drakenburg vengono sostituiti da 2 motori 2 cilindri, 4 tempi (280 x 455) della Motorenfabrik “Deutz” AG., Köln. In totale ora i motori erogano una potenza di 200 Cv. A novembre durante le prove in mare viene raggiunta auna velocità di 8.6 nodi.

09-11-1927 aquisita da Pieter Johannes Sterk di s’Gravenhage e rinominata ANDILETTE. Immatricolata a Rotterdam. Numero matricola: 2651 Z ROTT 1927. Nominativo internazionale: NDGB.

14-11-1927, passa alla Francis Mackenzie, Brüssel. Nome, porto d’iscrizione e bandiera rimangono invariati.

31-03-1928, venduta alla N.V. Motorschoener ELAND (Management: D. Oosting), Delfzijl, e rinominata ELAND. Nominativo internazionale: NPFM.

01-05-1931 passa alla N.V. Motorship ELAND (management: Doeko Oosting, Delfzijl), Delfzijl. Nessun cambio nome.

Il 18-12-1931, dopo la scaricazione di carbone a Sarpsborg e in navigazine verso Tiedstrand, via Vallø dove imbarca bunker, nel fiordo di Oslo causa navigazione negligente da parte del Com.te Middendorp, collode per due volte con gli scogli di Teineboen subendo una falla. La nave subisce velocemente uno sbandamento e viene abbandonata dall’equipaggio nonostante le pompe d’esaurimento in moto, rimanendo però vicino alla nave nella lanca di salvataggio. Dei pescatori che si trovavano sul posto rimorchiano la nave in avaria su fondo sabbioso, in seguito recuperata da un’impresa di salvataggio e pertata a Tönsberg per ripararla.

Nel 1934 il nominativo internazionale cambia in PDWO.

01-05-1936 Venduta alla Menne Vellinga, Groningen, nessun cambio nome.

26-04-1940 aquisita alla Rotterdamsche Kustvaart Centrale N.V., Rotterdam e nominata ELISABETH. Nominativo internazioanle: PDWU. Altre fonti nominano la N.V. ‘Rokocent I’, Rotterdam come proprietaria. Management: N.V. Rotterdamsche Kolen Centrale, Rotterdam.

Il 27-10-1942 sequestrata dall’amministrazione dell’occupazione tedesca in Ollanda ed immatricolata presso N.V. Nederlandsche Oost Reederij, Rotterdam, la quale la immette nel servizio per “l’organizzazione Todt” dove trasporta sabbia e ghiaia nella Deutschen Bucht. Nessun cambio nome.

Il 03-06-1945 a Wilhelmshaven riconsegnata alla N.V. Rokocent I (management: N.V. Rotterdamsche Kolen Centrale, Rotterdam), Rotterdam.

09-03-1951 la Cargos Maritimes S. A. (Management: Dabinovic S.A., Genève), Genève , Basilea aquista la nave e la nomina RHONE. Nominativo internazionale: HBDW.

Il 14-07-1955, ad est di Tobruk, 10 mg a ovest del faro di Ras Azzaz si arena e si capovolge per causa mare grosso. Abbandonata ed in seguito si capovolge.

La RHONE si trova in navigazione da Lipari diretta ad Alessandria in Egitto con un carico di ghiaia di lava.

Nel agosto del 1955 dichiarata persa ed il 07-11-1955 cancellata dal Registro Svizzero.

Home