Cronistoria delle navi
book

Questa nave merce varia era stata costruita nel cantiere Brodogradiliste “3. Maj”, Rijeka (numero di costruzione: 465), Jugoslavia per la Jugolinija (Jugoslavenska Linijska Plovidba), Rijeka. Con il nome TREBINJE era stata consegnata alla proprietaria nell’agosto del 1960 e messa in servizio. La nave batteva bandiera jugoslava e il porto d’iscrizione era Rijeka (nominativo internazionale: YTEG). Trebinje è una città nell'angolo sud-orientale della Bosnia ed Erzegovina.

Il 23-09-1967, durante il viaggio da Rijeka a Madras, carica con ferro grezzo, cottone e merce varia, a 300 miglia a sudest di Durban scoppia un incendio in sala macchine (il canale di Suez nel 1967 era stato chiuso per via della guerra dei sei giorni e le navi erano costrette a circumnavigare il Capo di Buona Speranza). La sala macchine e le sovrastrutture erano state completamente distrutte dal rogo. L’intero equipaggio doveva abbandonare la nave e dopo una notte tempestosa, il seguente giorno era stato tratto in salvo dalla nave olandese SCHIEKERK e portato a terra nel porto di Durban. Purtroppo il primo ufficiale olandese durante le operazioni di salvataggio era caduto in mare ondoso e rimase disperso. Il 01-10-1967 la nave abbandonata alla deriva era stata presa a rimorchio dalla nave sovietica MYTISTCHI e rimorchiata a Tulèar (Toliara) nel meridione del Madagaskar. Dichiarata perdita totale, e dai recuperatori sovietici registrata alla Black Sea Steamship di Odessa ed in seguito rimorchiata a Dakar dove arriva il 27-12-1967 per scaricare il carico, poi venduta a Poul Christensen di Nakskov in Danimarca,

Agli inizi del 1968 rivenduta alla Frangos Brothers & Co. Ltd. Pireo, rinominata KAPTASTAMATI (proprietaria: Efmariners Cia. S.A. Piraeus) e immatricolata al Pireo nel registro greco (nominativo internazionale: ignoto). Il 03-04-1968 a rimorchio del rimorchiatore d’altura GRONINGEN riparte da Dakar e il 20-04-1968 arriva a Bilbao in Spagna per eseguire i lavori di riparazione. Nel febbraio 1969 nuovamente in servizio sotto bandiera delle Bermudas per la Efmariners Co. Ltd. Hamilton, stazzatura: TSL: 10'276, TSN: 5'985, DWT: 13'550.

La Keller Shipping Basilea aquisisce la nave greca nel 1971 e il 09-11-1971 la immatricola sotto bandiera della Svizzera rinominandola CHAMPEX. Proprietaria: Compagnie de Navigation Transoceanique Suisse S.A., Genève (numero matricola: 68 / nominativo internazionale: HBFQ). Champex è un piccolo paese di villeggiatura nel Vallese, circa 15 km a sud di Martigny. Giace vicino ad un idilliaco lago di montagna ed inoltre si trova una fortezza di artiglieria per la protezione della strada che porta al passo del Gran San Bernardo.

champex-wallis-01

champex-wallis-02

Per la Nautilus-Line la nave era in servizio da Genova verso l’Africa dell’Ovest. L’equipaggio era composto da italiani jugoslavi e svizzeri. Dopo gli anni fine sessanta la Keller Shipping ingaggiava anche meritevoli Krooboys di Freetown nel Sierra Leone integrandoli come membri del regolare equipaggio.

Nel 1983 la Keller Shipping cede la Champex alla Brave Lion Marine Ltd. Valletta e il 09-08-1983 era stata ammainata la bandiera Svizzera e consegnata alla nuova proprietaria. Senza cambio nome immatricolata a Valletta (numero matricola: 0868) sotto bandiera maltese (nominativo internazionale: 9KMO).

Nello stesso anno rivenduta allo scrappo alla Khnabhai Esoofbhai. Il 25-10-1983 la nave era stata arenata in spiaggia ad Alang in India presso l’impresa di demolizione Bhai, Yusuf Bhai & Co. Khan.

SwissShips HPS, MB, HM, Luglio 2021

Fonti: