Cronistoria delle navi
book

La «s/s CALANDA», una nave con un passato estremamente movimentato, fu costruita nel 1913 presso il cantiere navale W. Pickersgill & Sons Ltd. di Sunderland, e consegnata nel settembre dello stesso anno con il nome di «HELMSLOCH», alla ditta Strath Steamship Co. Ltd. con sede a Cardiff. La gestione della nave fu assunta dalla compagnia armatoriale E.L. Downing & Sutherland anch’essa con sede a Cardiff che, nel 1917 cambiò il nome in E.C. Downing, Cardiff. Nata come nave a vapore con una lunghezza totale (loa) di 115,81 m, una larghezza (beam) di 15,30 m e un pescaggio (summer draft) di 7,62 m presentava una capacità di carico di 7’400 (DWT) e un tonnellaggio di 4’163 TSL risp. 2’572 NRT. Con un motore a tripla espansione di 1’850 CV poteva raggiungere una velocità di 11 nodi.

Nell’agosto del 1929 il proprietario della «HELMSLOCH» la vendette alla ditta Livanos Brothers che affidò la sua gestione alla J. G. Livanos di Chios. Da quel momento la nave cominciò a viaggiare sotto bandiera greca e si chiamò «MICHAEL L». Il suo porto di immatricolazione divenne Chios. Nel 1930 la J. G. Livanos di Chios fu venduta ad un altro proprietario che continuò a gestire la nave senza cambiarle il nome.

Dopo una collisione avvenuta nel 1934 la nave si arenò e fu quindi abbandonata. Ancora nel settembre dello stesso anno la compagnia assicurativa vendette il relitto all’italiana General Shipping Co., che a sua volta lo rivendette un mese più tardi alla G.W. Grace & Co. di Londra. Quest’ultima, dopo una revisione, gestì la nave dandole il nome di «ROEHAMPTON». Nel 1938 fu venduta alla G. W. Grace di Riga che la ribattezzò «LETTONIA» e la registrò sotto bandiera lettone. La gestione fu affidata ai rappresentati J. Zalcmanis, K. Jansons & J. Freyman di Riga. Il segnale di chiamata di allora era: YLGF.

Già nel 1939 tuttavia la nave fu venduta alla Compañia de Transportes Maritimos Ltda. di Panama, e nel 1940 assunse il nome di «ANITA». Il segnale di chiamata era: HPOD.

L’anno successivo la «Schweizerische Reederei AG» di Basilea (Swiss Shipping Company, Ltd.), acquistò la nave per 124'000 £ nell’interesse dell’approvvigionamento economico del Paese e ne garantì nel contempo la gestione. In mancanza di un proprio registro svizzero, la nave fu registrata a Panama sotto il nome di «CALANDA». Il nuovo segnale di chiamata era: HPOD.

Dopo che il governo svizzero, il 9 aprile 1941, in seguito all’invasione delle truppe tedesche e italiane in Grecia e allo scopo di assicurare l’approvvigionamento del Paese in beni provenienti d’oltremare, adottò un proprio registro per le navi con un decreto urgente, la società proprietaria della nave la registrò sotto la bandiera neutrale della Svizzera. Sabato 19 aprile 1941, verso mezzogiorno, nel porto di Savona fu issata la bandiera svizzera al posto di quella panamense. Tuttavia la registrazione ufficiale ebbe luogo solo il 24 aprile 1941. Il nuovo porto di immatricolazione e di registrazione divenne Basilea. La «CALANDA» è stata la prima nave ad essere iscritta nel registro delle navi svizzere. Il capitano era l’olandese Pieter Kommer Kwak. Il segnale di chiamata svizzero era HBDA.

Dopo la guerra la nave fu venduta il 12 dicembre 1946 alla danese Dampskibsselskab Hetland A/S per 55'000 £ e prese il nome di «STORAA». La gestione fu assunta da T. Basse, di Copenaghen. Il segnale di chiamata era allora: OXEJ.

Nell’agosto del 1949 la nave passò di proprietà della John Manners & Co. Ltd. di Hongkong che gli diede un nuovo nome: «SAN ROBERTO» e la registrò nuovamente sotto bandiera panamense. Segnale di chiamata: HORF.

Nel 1950 la nave fu venduta con lo stesso nome alla Wallem & Co. Ltd. di Panama e la gestione fu affidata alla compagnia armatoriale John Manners & Co. Ltd. di Hongkong. Il 15 maggio 1951, in seguito ad una collisione con un oggetto sottomarino non identificato, la nave subì una falla e colò a picco ma già il giorno dopo fu possibile disincagliare il relitto e ripararlo.

Nel 1952 la nave fu nuovamente venduta alla San Roberto Steamship Co. SA di Panama che affidò la gestione alla John Manners & Co. Ltd. di Hongkong.

Alla fine del 1952 la nave entrò nel porto di Keelung con una falla, lì fu possibile riparare provvisoriamente il danno in modo tale che essa poté proseguire la sua rotta verso Yawata (Japan) dove scaricò il suo carico di minerale. Il 4 gennaio 1953 raggiunse Hongkong e il 17 gennaio 1953 infine cominciò ad essere demolita.